Lucerna

Lucerna: una città medievale


Era il 2 febbraio 2021 e la mia amica era a cena da me. Parlando, avevamo tutte e due il bisogno immediato di evadere per un week end, questa situazione COVID continua a pesare e sempre di più. Così, abbiamo deciso di passare una notte lontano dal nostro cantone, a solamente due ore circa di auto siamo arrivate nella città di Lucerna.

Lucerna si trova nella Svizzera tedesca, ed è la capitale del Canton Lucerna. Arrivarci in treno è sicuramente più comodo ma anche in auto la strada è sempre diritta, inoltre se non hai la fortuna di trovare il passo del San Gottardo aperto (perché ti regala paesaggi magnifici), avrai da provare l’esperienza della galleria del San Gottardo, lunga ben 17km. Nel 1980, quando fu inaugurata, era il tunnel più lungo del mondo. Oggi è quello di Lærdal (Norvegia), inaugurato nel 2000.

In questo articolo vi parlerò un pò in generale delle cose principali da sapere e da visitare se mai vi capiterà di farci visita. Personalmente, ve la consiglio se siete nei paraggi perché merita di essere esplorata, soprattutto per la sua architettura.

Esempio di itinerario a piedi

Mi trovo davvero molto comoda a posizionare su Google maps i luoghi che desidero visitare, in modo da avere un percorso logico e non fare avanti e indietro inutilmente.



Il punto di partenza è l’hotel dove abbiamo alloggiato una notte, di cui vi parlerò più tardi, a seguire attraverseremo il fiume Reuss percorrendo il ponte Spreuerbrücke (e non quello segnato sul percorso), arrivando così alla Mühlenplatz, per poi entrare nella Altstadt (città vecchia). Perdendoci tra le viuzze con questa architettura da brivido arriveremo al Gletschergarten (giardino dei ghiacciai) dove affianco troveremo il monumento del leone: Löwendenkmal. Poi ci dirigeremo verso il lago, fino ad arrivare alla chiesa St. Leodegar e da lì percorreremo il lungo lago, ammirando il lago dei 4 Cantoni o lago di Lucerna e vedendo a distanza il museo dei trasporti che vi consiglio, fino ad arrivare al simbolo di questa città, nonché monumento importante della Svizzera: il Kapellbrücke (ponte della Cappella). Una volta arrivati alla fine di questo ponte vi troverete davanti alla stazione ferroviaria di Lucerna. Esplorate un pò la zona dirigendovi verso l’ultimo punto di interesse: il Bruchquartier che una volta era un mercato di bestiame e oggi è il quartiere alla moda di Lucerna dove ci abitano persone provenienti da tutto il mondo.

Ora vediamo un pò più nel dettaglio alcuni di questi punti di interesse.

Questo leone dal volto triste è stato scolpito nel 1820-1821 in onore del sacrificio dei soldati Svizzeri morti durante la Riv. Francese (1789).

Questa è un importante chiesa per la città di Lucerna. Prima dell’incendio del 1633 era di stile romanica e quando hanno ricostruito la struttura è diventata di stile rinascimentale.

Questa è l’entrata della stazione ferroviaria di Lucerna. Questo arco è l’unica cosa che si è salvata durante l’incendio del 1971. Santiago Calatrava, architetto spagnolo, fu incaricato per la realizzazione della nuova stazione che venne inaugurata nel 1990.

Il ponte in legno della Cappella è il ponte coperto più antico d’Europa. Simbolo della città di Lucerna e monumento importante della Svizzera, è una delle attrazioni principali per i turisti. Percorrendolo troverai dipinti che rappresentano le scene della storia della Svizzera. Collega le due sponde del fiume Reuss ed è lungo 170m.


Ci sono tante altre cose da vedere e da sapere come che Lucerna è famosa per il cioccolato, che una volta la città era ricoperta da un ghiacciaio, il museo dei trasporti più completo al mondo, il museo d’arte Rosengart dove ci sono dipinti di artisti molto conosciuto come Picasso, la fonduta al formaggio e altre specialità culinarie, una gita sul monte Pilatus, fare un giro in battello pranzando, il casinò di Lucerna e il carnevale è anche molto conosciuto.

Ecco qui di seguito alcuni miei scatti.


Château Gütsch

Non eravamo a conoscenza di questo hotel, situato in cima ad una collina, ci è apparso mentre cercavamo un alloggio un pò particolare sul sito booking.com. Ce ne siamo subito innamorate e siccome il prezzo non era esagerato (sicuramente per via del COVID) e le camere rimaste erano poche, non abbiamo aspettato un minuto di più e abbiamo prenotato, però tramite il sito ufficiale del hotel. Perché? Perché dava la possibilità di includere (pagando qualcosa in più) la cena a base di fondue nella terrazza riscaldata o un menu a 4 portate. Noi abbiamo scelto la fondue.

Questa funivia presente accanto al hotel è molto comoda per i clienti quando vogliono scendere in città o risalire al hotel senza usare la macchina. Comodo anche per i turisti che vogliono godere del panorama da in cima la collina e visitare le sculture dell’artista Vasily Klyukin.

Si chiama “Art Panorama Inferno” e mostra il nuovo concetto della famosa mostra di cultura “Dante Veritas” di Vasily Klyukin.

La camera che abbiamo prenotato è stata venduta come tripla e a due piani, il letto e il bagno si trovavano al piano di sopra mentre di sotto c’era il mini bar, l’armadio, una scrivania e una poltrona che immagino diventava un letto. Devo dire che la camera era davvero grande ma la pulizia non era eccellente. Almeno i letti erano comodissimi.

Riguardo alla cena, come detto prima, noi avevamo riservato la fondue in terrazza riscaldata. Quando ci siamo presentate alle 19.45 al ristorante del hotel, ci hanno mandato in camera a prendere le giacche perché avremmo sì mangiato in terrazza, ma al freddo. Non ci hanno portato nulla per riscaldarci se non una coperta a testa (anzi due perché le abbiamo richieste). Questa non la chiamerei proprio terrazza riscaldata e peccato perché l’atmosfera era davvero molto carina. La fondue è anche arrivata tiepida e non si è mai scaldata per via dell’aria fredda che c’era, avevamo seriamente paura di fare una congestione o di stare comunque male.

Il bar è stata la cosa più bella a parere mio, soprattutto quando siamo andate a bere un cocktail dopo cena. La sensazione che ho provato nello stare seduta, al bar, con un’amica bevendo qualcosa è stato WOW, siccome era da tanto tempo che non mi capitava per colpa di questa situazione COVID.

La colazione era a buffet, di qualità ed era completa di tutto: frutta, uova con bacon, pancakes, succhi, the e caffè, cereali, pane con marmellate e burri,…

Per fortuna non ce l’hanno fatta fare in terrazza (haha!) ma siamo state dentro nel ristorante del hotel.

Concludendo

…alla fine abbiamo prenotato una camera venduta come tripla, con la cena, la colazione, il parcheggio per l’auto, wifi e minibar gratuito, welcome drink per meno di 200CHF a testa.

Un’affarone vero? Peccato che siamo rimaste un pochettino deluse: la TV in stanza non funzionava e si sono fatti perdonare offrendoci un drink al bar dopo cena, il welcome drink non lo abbiamo visto, la terrazza dove abbiamo cenato non era riscaldata come detto e la fondue era tiepida.

A parte ciò, il personale è gentilissimo e la pulizia era ok.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...